L’agire ha come unica vocazione l’utilità. “A cosa mi serve?”

 “A cosa mi serve?”

 

Einstein affermò che la domanda “a cosa serve” avrebbe svilito

 

la ricerca, la scienza e...l’uomo. Anche perché di fronte a questa

 

domanda le cose più belle della vita non possono rispondere…  

 

A cosa serve un quadro? Una poesia? Il profumo di un fiore?

 

 

Gurdjieff affermò qualcosa di molto più potente e forte, ovvero

 

che l’uomo può vivere solo alcuni minuti senza respirare ,

 

qualche giorno senza bere, un po di più senza mangiare, ma un

 

corpo che non riceve alcuna sensazione di bellezza, che non può

 

aggrapparsi neppure a un grammo di meraviglia, muore

 

all’istante.

 

Non dimentichiamoci di inserire sempre qualcosa di bello,

 

inutile, leggero e profumato nella nostra vita di tutti i giorni.