Il mancato riconoscimento delle nostre emozioni.

Viviamo in un epoca in cui si viene continuamente su ogni

 

fronte invitati a liberarci delle emozioni.

 

 

Si sente troppo spesso: ... “pensa in maniera razionale”... “le

 

emozioni hanno troppo impatto su di te”...”non agire sotto

 

l’influenza delle emozioni”…

 

e tutto ciò si traduce in un vero e proprio meccanismo

 

patologico: il mancato riconoscimento delle nostre emozioni.

 

 

 

I successi più grandi sono possibili solo se si lavora con passione, ispirazione, motivazione, creatività. Queste sono le

 

emozioni che ci stimolano maggiormente ad agire e perseguire i nostri obiettivi. Sfortunatamente quando rimuoviamo o reprimiamo

 

 le nostre emozioni, neghiamo completamente la nostra emotività, perdendo così l’accesso alle emozioni costruttive.